Balsamo per capelli ricci: a cosa serve e quale usare

Scegliere il miglior balsamo per capelli ricci è il presupposto fondamentale per avere capelli sani, lucenti ed elastici.

L’utilizzo di prodotti inadeguati o di scarsa qualità può danneggiare la fibra capillare, messa a dura prova ogni giorno dagli agenti atmosferici, da stili di vita errati ma anche dall’abitudine di ricorrere spesso a trattamenti extra strong come decolorazioni e permanenti.

Shampoo per capelli grassi, maschera e balsamo sono gli step irrinunciabili nella hair care routine.

Il compito di ogni professionista è quello di guidare la propria clientela verso i prodotti per capelli ricci più indicati per il tipo specifico di capelli.

Questa affermazione è particolarmente importante quando si parla di capelli ricci.

Uno styling perfetto non si improvvisa ma è frutto di alcuni passaggi ben precisi. Tra questi l’applicazione del balsamo è il punto chiave.

Questo prodotto infatti non solo permette di avere capelli sani, ma consente al riccio di:

  • Trattenere l’umidità necessaria.
  • Migliorare l’elasticità.
  • Combattere l’effetto crespo.
  • Agevolare l’asciugatura.

Ma come si fa scegliere il miglior balsamo per capelli ricci?

A cosa serve il balsamo per capelli ricci

Il balsamo è un prodotto cosmetico che si utilizza normalmente dopo lo shampoo ( scopri tutti gli shampoo per capelli che puoi acquistare ) per ammorbidire e rinforzare i capelli.

Questo prodotto avvolge la fibra capillare, chiude le squame ed eventuali doppie punte e, grazie alla sua particolare texture, penetra nella cuticola, rivestendo i capelli di una sottile pellicola più o meno leggera che li protegge dalle aggressioni esterne.

Quando una cliente chiede un consiglio sul miglior balsamo per capelli ricci, la prima cosa da fare è controllare l’etichetta.

Questi cosmetici sono per lo più a base acquosa, anche se in commercio è possibile trovare dei prodotti oleosi. Oltre all’acqua un balsamo può contenere:

  • Agenti idratanti

Idratano e conferiscono elasticità e morbidezza. La glicerina è il miglior agente idratante per i capelli ricci perché doma l’effetto crespo e svolge un’importante azione disciplinante.

  • Composti grassi

Lubrificano e donano morbidezza.

  • Proteine

Le proteine si legano alla struttura del capello, riparandolo dall’interno e regalando vitalità e forza.

  • Siliconi e polimeri condizionanti

Queste sostanze rivestono il capello di uno strato protettivo che lo lucida fino al lavaggio successivo.

Il problema è che questi ingredienti tendono ad accumularsi sui capelli, finendo per appesantirli.

In linea di massima quindi sarebbe necessario evitare i prodotti contenenti i quattro siliconi più diffusi ovvero: Dimethicone, Cyclopentasiloxane, Cyclomethicone e Poliquaternium-80.

  • Tensioattivi cationici

Neutralizzano le cariche elettrostatiche negative, lubrificano la fibra capillare e sigillano l’umidità all’interno dei capelli. Il più utilizzato è il Cetrimonium Chloride.

Come scegliere il balsamo per capelli ricci

I capelli ricci necessitano di idratazione, nutrimento e di un surplus di proteine per generare movimento e vitalità in una chioma spenta.

I migliori balsami per capelli ricci sono quelli che contengono ingredienti caratterizzati da un basso peso molecolare perché sono gli unici in grado di penetrare in profondità nel fusto.

I più efficaci sono:

  • Proteine della seta (per rafforzare).
  • Acqua.
  • Glicerina (per idratare).
  • Olio di Argan, cocco, avocado, ricino.

Prestiamo particolare attenzione alle proteine. In presenza di un riccio senza vita, spento e privo della caratteristica forma a molla, la componente proteica è una scelta quasi obbligata.

Le proteine sono il nutriente perfetto per riparare la cheratina, rafforzare i capelli e stimolare la crescita.

Il balsamo per capelli ricci deve contenere anche una discreta quantità di agenti umettanti e sigillanti.

Queste sostanze lubrificano la fibra capillare, la rivestono di un sottile film protettivo, sigillando la cuticola e prevengono la perdita di umidità e idratazione.

I migliori agenti sigillanti sono:

Alcoli grassi come alcool:

  • Cetilico.
  • Cetearyl.
  • Stearilico.

Alla luce di quanto fin qui detto, qual è il prodotto più indicato per i capelli ricci? Non è semplice rispondere a questa domanda, proprio in virtù della natura atipica di questo tipo di capelli.

Il primo passo per scegliere il balsamo giusto è fissare un appuntamento presso un salone di fiducia in modo che il parrucchiere possa eseguire una diagnosi dei capelli, necessaria per conoscere le caratteristiche dei ricci della cliente e per indirizzare verso la scelta più corretta.

Che balsamo usare per capelli ricci

Il capello riccio infatti, al contrario di quello liscio, è un vero e proprio trasformista.

Il risultato finale, dopo l’asciugatura, non sarà mai scontato ma dipenderà dalle variazioni ormonali della cliente, dallo stile di vita e dalla frequenza con cui utilizza piastre e ferri arricciacapelli ma anche dall’umidità ambientale e dalla distribuzione della cheratina nella fibra.

La definizione del capello riccio quindi è legata a una serie di fattori variabili che trovano il rimedio perfetto in un prodotto capace di ristrutturare ma anche di idratare intensamente la capigliatura.

Nei migliori balsami per capelli ricci non dovranno mai mancare le proteine. Indispensabili nei capelli ad alta porosità, le proteine vanno a riempire gli spazi vuoti lasciati dalle cuticole che si sono sollevate (le tanto temute doppie punte).

Il problema però è che non bisogna abusare dei trattamenti proteici per non rischiare di irrigidire troppo il capello. Come trovare un buon compromesso?

Il nostro consiglio è quello di preferire prodotti per capelli a base di proteine della seta ovvero un mix di proteine idrolizzate, scisse quindi in molecole più piccole, e polimeri cationici, caratterizzati da un notevole effetto condizionante e districante.

Il risultato è un balsamo o una maschera per capelli ( scopri le maschere per capelli che puoi acquistare ) che districa, ammorbidisce, prepara allo styling e ristruttura il capello dall’interno.

Le proteine della seta, a differenza delle altre, non irrigidiscono il riccio anche se utilizzate a ogni shampoo.

Altro vocabolo irrinunciabile nella scelta del balsamo per i capelli ricci è idratazione.

Il prodotto sbagliato, soprattutto quando contiene troppe proteine, può paradossalmente diminuire la robustezza dei capelli e togliere definizione alle onde. Il risultato è una chioma spenta ma soprattutto crespa.

La scelta deve partire dalla lettura dell’INCI. Il balsamo perfetto per i ricci è quello che ha come primo ingrediente l’acqua, seguita da una sostanza idratante e dalle proteine della seta.

Come usare il balsamo per capelli ricci

Dopo aver scelto con la cliente il prodotto più indicato per i suoi ricci, è necessario consigliarla su come applicare il balsamo senza commettere errori.

Il prodotto deve essere applicato da metà capelli fino alle punte per non rischiare di appesantire inutilmente le radici e tenuto in posa in base al tempo indicato sulla confezione.

Una volta al mese è possibile potenziare il trattamento unendo qualche goccia di olio di cocco o di Argan sulle punte e lasciando agire per 45 minuti, con i capelli raccolti in un turbante in microfibra o seta.

Infine, un ultimo consiglio: l’acqua calda è un’acerrima nemica dei capelli, soprattutto se ricci, perché tende a disidratarli.

È importante quindi effettuare il lavaggio e il risciacquo finale con acqua tiepida per non rovinare l’intensa azione ristrutturante e idratante del balsamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *