Siamo insieme su SKY

Qual’è il migliore olio per massaggio e come si usa

L’olio per massaggio è un cosmetico che viene utilizzato per facilitare lo sfregamento delle mani sulla pelle del corpo, e che è composto da una matrice oleosa all’interno della quale si trovano disciolti ingredienti aggiuntivi di tipo idratante, nutriente oppure estratti di erbe e oleoliti.

Oltre a favorire il movimento impresso sulla pelle dal massaggiatore, questo prodotto riduce il rischio di irritazioni cutanee, migliorando la circolazione sanguigna e il drenaggio linfatico.

Qual’è il migliore olio per massaggio e come si usa

Prima di scegliere l’olio per massaggio professionale più indicato alle proprie esigenze, è necessario valutare i seguenti fattori:

  • Scopo del massaggio

Può essere:

  1. Rilassante.
  2. Rivitalizzante.
  3. Drenante.
  4. Energizzante.
  • Tipo di pelle

E’ il fattore più incisivo nella selezione dell’olio da utilizzare. In caso di pelle:

  • Secca o molto secca: di solito si impiegano oli idratanti e nutrienti.
  • Mista o grassa: si preferisce l’uso di oli leggeri e facilmente assorbibili.
  • Delicata o sensibile: si usano oli lenitivi e calmanti.
  • Ingredienti

Devono essere compatibili con le caratteristiche biologiche della pelle per evitare l’insorgenza di reazioni allergiche o di intolleranza cutanea;

  • Qualità

che si deduce dalla lista degli ingredienti riportata sull’INCI.

  • Preferenze soggettive

Si basano sulle percezioni aromatiche, sul grado di assorbimento e sulla facilità di utilizzo.

Cos’è l’olio da massaggio

L’olio da massaggio è un cosmetico a base di sostanze grasse, in cui possono essere disciolti altri elementi di tipo:

  • Idratante.
  • Rivitalizzante.
  • Elasticizzante.
  • Decongestionante.
  • Drenante.
  • Depurativo.

Sul mercato sono disponibili moltissimi tipi di oli che differiscono tra loro per composizione, aroma ed effetti provocati.

Il principale scopo per cui si utilizza un simile cosmetico è quello di eliminare le forze di attrito tra le mani del massaggiatore e il corpo del massaggiato.

Inoltre questo prodotto si rivela utile per facilitare il trasferimento di calore sulla pelle di chi riceve la manipolazione.

I prodotti per il corpo che esercitano un’azione idratante ed emolliente consentono alla pelle di non seccarsi migliorando il suo aspetto al termine del trattamento.

Grazie all’aggiunta di oli essenziali naturali, cosmetici del genere provocano effetti benefici che si diffondono su tutti gli strati della pelle.

Tra le principali essenze utilizzate vi sono:

  • Lavanda.
  • Salvia.
  • Camomilla.
  • Sandalo.
  • Mandarino.
  • Arancia dolce.
  • Legno di cedro.
  • Ylang ylang.
  • Patchouli.

Tipologie di oli da massaggio

• rilassante, che contiene principi attivi estratti da limone, ginepro, bergamotto, rosmarino e salvia, dalla cui azione sinergica deriva una benefica funzione balsamica e termoregolatrice;
• stimolante, che serve per aumentare la disponibilità di composti ad alta energia a livello muscolare per contrastare stanchezza, astenia e debolezza corporea.

Anche se i vari oli differiscono notevolmente tra loro, la composizione prevede sempre una matrice grassa formata da vero e proprio olio che funge da vettore per eventuali componenti aggiuntivi, che solitamente vengono estratti da piante o erbe officinali.

Qual’è il miglior olio da massaggio

Il migliore olio da massaggio è il prodotto meglio compatibile con le esigenze individuali, tenendo conto che la pelle ha una composizione differente da persona a persona.

I prodotti maggiormente impiegati sono di tipo naturale e preparati con estratti vegetali, quelli che trovano maggiore impiego sono:

  • Olio di mandorle dolci

Dotato di proprietà nutrienti, elasticizzanti ed emollienti.

  • Olio di cocco

Si presenta in forma solida e che offre proprietà emollienti e idratanti.

Si distingue per un’efficace azione ammorbidente, emolliente e protettiva, anche perché viene molto facilmente assorbito.

  • Olio di argan

Possiede proprietà antiossidanti, indispensabili per massaggi anti-age, rivitalizzanti ed elasticizzanti;

  • Olio di borragine

Dotato di proprietà antinfiammatorie, anti-eczematose e lenitive;

  • Olio di macadamia

Si impiega per la sua attività restitutiva, emolliente e idratante, utilissima in presenza di pelli secche e sensibili.

I principali ingredienti aggiuntivi sono vitamine, minerali, essenze naturali ed estratti di piante officinali.

Come usare l’olio per massaggio

La regola generale per utilizzare correttamente l’olio per massaggio è quella di non applicarlo direttamente sulla cute, ma di versarlo prima sulle mani del massaggiatore che dopo una lieve frizione e successivo riscaldamento, lo può applicare sul corpo dell’individuo.

Le manipolazioni devono essere effettuate con una giusta quantità di prodotto, poiché un dosaggio eccessivo potrebbe ostacolare l’esecuzione delle manipolazioni.

Inoltre è molto importante che un simile prodotto venga scelto in base alle caratteristiche individuali della pelle, per evitare interazioni negative con gli strati cutanei.

Un buon olio da massaggio dovrebbe possedere viscosità e densità ben bilanciate, essere facile da applicare e venire assorbito con facilità.

Qualsiasi sia la sua composizione, l’olio deve avere un aroma gradevole e una consistenza fluida, e poter essere assorbito facilmente.

In commercio sono disponibili anche oli solidi da massaggio, formulati con componenti vegetali come estratti di cocco, burro di cacao, cera d’api e burro di karitè, miscelati in modo tale da permettere al cosmetico di sciogliersi nel momento in cui viene a contatto con il calore della pelle del soggetto.

Per usare correttamente l’olio da massaggio, è necessario discriminare le finalità per cui è stato scelto per:

Massaggio rilassante

L’olio può contenere estratti di lavanda, di bergamotto, di arancia amara, miscelati tra loro fino a ottenere un prodotto dotato di un aroma molto intenso.

Alleviare le tensioni psico-emotive

Può essere utile aggiungere alla matrice oleosa estratti di ylang ylang, una pianta che viene largamente usata nel settore dell’aromaterapia, spesso in associazione con lavanda e arancio amaro.

Energizzare la muscolatura

Gli oli da massaggio più indicati contengono essenze di erbe aromatiche, come ginepro e rosmarino, in associazione a limone o arancia amara, ideali per stimolare la circolazione.

Questi cosmetici devono essere testati su piccole zone cutanee prima di un impiego globale.

In presenza di condizioni patologiche e soprattutto di malattie cutanee è sconsigliabile utilizzare olio per massaggio senza avere chiesto un preventivo consiglio al proprio medico.

Bisogna tenere sempre conto del fatto che gli elementi attivi che si trovano disciolti nella matrice oleosa possono distribuirsi con facilità anche negli strati più profondi della pelle, arrivando fino all’endotelio vasale.

Pur essendo prodotti per uso topico, gli oli da massaggio possono cedere alcune molecole che, attraverso la circolazione sanguigna o linfatica, arrivano in tutti i distretti corporei.

Dove trovare l’olio per massaggio

Su Ebranditalia.com puoi trovare i migliori oli per massaggio professionale che utilizzano i professionisti.

Questi rimedi devono avere un INCI vantaggioso e privo di coloranti, conservanti, additivi o qualsiasi sostanza di sintesi, poiché la loro innocuità è indispensabile per non provocare allergie o reazioni di intolleranza cutanea.

Anche online sono disponibili molti portali che commercializzano oli da massaggio dei migliori brand attualmente sul mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.