Quali caratteristiche deve avere una poltrona per estetista

La poltrona per estetista è un accessorio indispensabile all’interno di un centro estetico, proprio per i suoi numerosi utilizzi è opportuno acquistare un modello che disponga di determinate caratteristiche funzionali ed estetiche.

Queste sono essenziali per effettuare la pedicure professionale, alcuni trattamenti viso, la manicure ma anche l’epilazione.

Così come i lettini da massaggio, i tavoli manicure e molto altro sono accessori determinanti per un professionista che vuole realizzare trattamenti professionali per i propri clienti.

Caratteristiche poltrona per estetista

Perché è importante scegliere con attenzione la poltrona per estetista

In primo luogo è da considerare con estrema attenzione la comodità e il comfort della seduta. Infatti, se si considera che i clienti dovranno utilizzarla per un tempo piuttosto lungo è indispensabile che la seduta, i braccioli e lo schienale siano adeguatamente rivestiti e morbidi.

Allo stesso modo il modello dovrà essere semplice, non solo per adattarsi al design del centro estetico, ma anche per risultare pratico e funzionale durante l’utilizzo. In ultimo, è importante sottolineare come la scelta della poltrona per estetista dovrà essere effettuata anche in base alla tipologia di trattamenti che si intendono eseguire.

Ad esempio, per i trattamenti al viso, bisognerà acquistare una poltrona con schienale reclinabile affinché il collo sia posizionato comodamente e correttamente oppure se si desidera realizzare una pedicure, si potrà optare per una poltrona dotata di pediera regolabile in altezza.

Quali sono le caratteristiche essenziali della poltrona per estetista

Per quanto riguarda i modelli di poltrona per estetista è possibile annoverare due principali categorie: quelle tonde e quelle motorizzate. Le poltrone tonde, meglio note come poltrone da pedicure, dispongono di una seduta estremamente comoda e confortevole.

La loro peculiarità è la presenza di una vaschetta per la pedicure posizionata proprio sotto la pediera, tuttavia, sono perfette anche per effettuare trattamenti al viso.

Per quanto riguarda le poltrone elettriche, queste presentano un design moderno, simile a quello di un lettino da massaggio, e possono essere regolate in altezza utilizzando dei semplici pulsanti. La loro peculiarità risiede proprio nella possibilità di sfruttare un’unica seduta per effettuare un elevato numero di trattamenti.

Una delle caratteristiche comuni a entrambi i modelli di poltrona per estetista è la presenza di un sistema di regolazione per la temperatura dell’acqua e idromassaggio. Un’altra caratteristica da valutare con attenzione è l’altezza della seduta.

In virtù della tipologia di trattamenti che si intendono effettuare, è indispensabile acquistare una poltrona che possa adeguarsi alle esigenze della professionista risultando comoda e confortevole per i clienti.

Successivamente, bisognerà considerare la tipologia di imbottitura della sedia. Infatti, oltre a garantire maggior comodità durante la seduta, questa caratteristica conferisce alla poltrona per estetista una maggior durata nel tempo evitando che la struttura possa usurarsi o danneggiarsi con l’utilizzo ripetuto.

Allo stesso modo, quando si desidera acquistare una poltrona per estetista bisognerà considerare la possibilità di regolarne l’altezza dello schienale o della pediera oppure di ruotare tutta la seduta. Tale specifica risulta essenziale per facilitare il lavoro dell’estetista acuendone precisione e praticità nell’utilizzo degli accessori.

Tra le caratteristiche che è possibile trovare nelle poltrone per estetista vi sono alcune particolari tecnologie come:

  • La funzione vapore, che consente di effettuare trattamenti viso specifici come i bagni di vapore.
  • Le vaschette con sistema idromassaggio per la idroterapia.

Quest’ultima è essenziale qualora si desideri preparare la cliente a trattamenti successivi come la pedicure, il massaggio plantare e molto altro.

Come scegliere una poltrona comoda e funzionale

Come anticipato la possibilità di regolare l’altezza della poltrona per estetista è una caratteristica essenziale. Infatti, spesso non si tiene in considerazione che in base al trattamento che si intende effettuare sulla cliente è indispensabile regolare lo schienale, l’altezza delle gambe oppure l’appoggiatesta.

Anche la rotazione del sedile garantisce al professionista di lavorare con maggior facilità sulle diverse zone del corpo e al cliente di trovare una posizione confortevole dove rilassarsi durante le sedute.

Per questa ragione durante la scelta della poltrona è indispensabile valutare che il modello che si desideri acquistare permetta di personalizzare l’altezza e la posizione all’occorrenza.

Oltre agli aspetti meramente tecnici della poltrona per estetista, è indispensabile valutare anche alcuni aspetti pratici che permettono di lavorare con maggior praticità e altri che consentano al cliente di rilassarsi. Tra questi è possibile annoverare la presenza di:

Imbottitura riscaldata

Nella stagione fredda o quando si effettuano massaggi rilassanti, la presenza di un materassino riscaldato acuisce il senso di relax e comfort dei clienti. Le poltrone che inseriscono questo optional sono perfette per effettuare i massaggi, la pedicure e la manicure.

Porta rotolo di carta

La carta assorbente oppure la carta lettino utilizzata per coprire la seduta deve essere sempre a portata di mano all’interno di un centro estetico. Pertanto, acquistare una poltrona per estetista che sia dotata di un apposito sostegno permetterà di tenere l’ambiente ordinato pur non rinunciando alla funzionalità.

Porta asciugamani

Così come la carta, specialmente durante la pedicure o i massaggi viso, gli asciugamani usa e getta risultano indispensabili. Affinché il professionista o il cliente possano prelevarli agilmente è indispensabile che la sedia sia dotata di un porta asciugamani dove verranno riposti panni puliti per ogni nuovo cliente.

Fissaggio per le ruote

La possibilità di bloccare le ruote della poltrona garantisce una maggior stabilità durante il trattamento. Alcuni modelli non ne sono provvisti e, per questa ragione, è necessario accertarsi che anch’essi siano presenti.

Imbottitura spessa

Affinché l’imbottitura resista nel tempo senza perdere la forma originale oppure danneggiarsi per l’utilizzo prolungato. L’altezza di un’imbottitura di buona qualità si aggira intorno ai 9 cm tuttavia è opportuno verificarne anche la densità. Sono sempre preferibili quelli a bassa densità, come il memory foam, che conferiscono maggior comodità alla seduta e allo schienale.

Materiale di rivestimento

L’ecopelle è senza dubbio il materiale più utilizzato per il rivestimento della poltrona per estetista. Infatti, questa può essere igienizzata e pulita, resiste alle macchie e all’usura evitando che l’arredo appaia danneggiato o poco curato. Non solo, l’ecopelle risulta estremamente duratura e confortevole.

Rivestimento sfoderabile

Pur igienizzando la seduta dopo ogni cliente è essenziale che il rivestimento possa essere rimosso e lavato in lavatrice settimanalmente. Pertanto, durante l’acquisto di una poltrona per estetista, è indispensabile valutare anche questo dettaglio.

Cassetti estraibili

La presenza di vani e cassetti sotto la seduta permettono alla professionista di riporre i propri attrezzi correttamente e in maniera funzionale al loro utilizzo. Non solo, in questo modo ne gioverà anche l’ordine del centro e la pulizia della strumentazione.

Struttura resistente

In ultimo, quando si acquista una poltrona per estetista è sempre consigliabile preferire un modello dotato di una struttura resistente, realizzata con materiali duraturi come l’acciaio e il ferro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.