Home / News / Quali sono le migliori forbici per capelli

Quali sono le migliori forbici per capelli

I parrucchieri sono sempre alla ricerca di forbici perfette, di alta qualità e in grado di offrire ottimo confort in termini di impugnatura. Oltre a queste caratteristiche prettamente pratiche, le forbici perfette devono essere in grado di fornire un taglio volto a soddisfare appieno le esigenze di una clientela sempre più esigente e attenta ai dettagli.

Per questa ragione, molto spesso, i professionisti del mestiere intendono le forbici per capelli non solo come uno strumento di lavoro, ma un componente di fondamentale importanza per esprimere la propria creatività e concretizzare adeguatamente le richieste dei propri clienti.

A tal proposito, tra le attrezzature per parrucchieri la scelta della forbice diventa un’impresa piuttosto ardua che deve essere fatta con estrema accuratezza, prestando attenzione alle proprie esigenze lavorative e professionali oltre che alle tante e diverse necessità della propria clientela. Ne consegue che, la maggior parte dei parrucchieri dispone di un vero e proprio set di forbici:

  • Selezionate in base ad attente valutazioni dei vari prodotti e articoli disponibili sul mercato.

Quali caratteristiche devono avere le forbici

Per poter valutare accuratamente la forbice da acquistare, è necessario prendere in considerazione molteplici caratteristiche, tra queste una fondamentale attenzione va riservata alla capacità e alle modalità di taglio delle lame.

Infatti, se il pensiero comune è quello che le lame producano diverse tipologie di taglio in base alla loro affilatura, la realtà è che il tipo di taglio dipende fondamentalmente dal modo in cui le due lame vengono in contatto tra di loro. A tal proposito, la qualità del contatto delle due lame dipende essenzialmente dal materiale con cui sono realizzate le lame stesse.

Per questa ragione, è indispensabile scegliere forbici di elevata qualità, che si possano utilizzare con i tutti prodotti per capelli come il tagliacapelli, realizzati con materiali garantiti e sottoposti a rigidi controlli, così da poter assicurare una perfetta riuscita del taglio.

Le forbici devono inoltre essere selezionate sulla base della diversa tipologia di impugnatura:

  • Impugnatura opposta: si tratta della forbice di base, è anche chiamata simmetrica o a livello.
  • Impugnatura offset: si tratta di un design più moderno che permette di impugnare lo strumento con l’ausilio del dito anulare. In questo modo la posizione della mano è più aperta e la tensione al tendine dell’avambraccio è più contenuta. Questa tipologia di forbice è anche detta asimmetrica.
  • Impugnatura semi off-set: chiamata anche semi-assimetrica consente di mantenere una posizione più bassa del gomito durante la fase di taglio;
  • Impugnatura per mancini: ovviamente, per non precludere il lavoro di parrucchiere ai mancini, sono state ideate delle apposite forbici che possono essere impugnate con la sinistra.

Un’ulteriore importante differenza è determinata dal materiale con cui le forbici sono costruite. In commercio ne esistono in acciaio, carbonio o titanio, tutte attente alla componente igienica e alla buona riuscita del lavoro.

Solitamente sono da preferire quelle in acciaio, che consentono di preservare la perfetta integrità della forbice, e la sua affilatura, anche a seguito di svariati utilizzi. La maggior parte delle forbici in commercio sono in acciaio 440c, la stessa lega con cui vengono fabbricati gli strumenti chirurgici.

Esempi di lame per forbici per capelli

Inoltre, a seconda che il taglio sia un classico taglio dritto, piuttosto che un taglio scalato, potranno rivelarsi utili strumenti dalla lama liscia piuttosto che dentata o seghettata:

  • Lama liscia: solitamente le forbici per parrucchieri con questo tipo di lama vengono utilizzate per i tagli da donna e quindi scalature o tagli svicolati sulle punte, sfruttando la loro capacità di scivolare meglio sul capello. Questo tipo di lame permette di lavorare su capelli lunghi garantendo un effetto naturale.
  • Lama seghettata: solitamente vengono utilizzate per sfoltire e alleggerire le chiome, ma anche per la realizzazione di tagli particolarmente netti di pari lunghezza, tipici dei tagli da uomo o dei più moderni tagli da donna asimmetrici

Infine, un’ultima caratteristica importante è la lunghezza delle forbici che, indipendentemente dalla tipologia della lama, deve essere in grado di garantire il massimo confort di utilizzo per non creare fastidi in fase di esecuzione del taglio. Per misurare le forbici è necessario chiuderle e considerare lo spazio che intercorre tra la punta e l’impugnatura.

Quale forbice scegliere

L’e-commerce consultabile nel sito di Ebranditalia, dispone di un’ampia scelta di forbici per parrucchieri, potendo scegliere tra diverse tipologie di modelli.

Privilegiare una forbice piuttosto che un’altra è una questione molto soggettiva e dipende dalle abitudini del parrucchiere e dall’effetto che si vuole dare al taglio.

In linea di massima, ogni professionista ha una propria tecnica che influenzerà molto sul modello di forbice da utilizzare. Per queste ragioni non è possibile individuare un modello che possa essere ideale per tutti. Deve necessariamente essere prescelto sulla base di abitudini, attitudini ed esigenze.

Le forbici migliori per capelli dipendono dal taglio che si vuole fare:

  • Gli esperti nel settore è impensabile disporre di un unico tipo di forbici.

Infatti, per abbozzare il taglio necessiteranno di una tipologia di forbice, successivamente, per riuscire a perfezionarlo dovrà essere utilizzata una forbice diversa.

Per questo sono da preferire dei set che mettano a disposizione diverse tipologie di forbici in grado di soddisfare svariate circostanze di utilizzo.