Home / Bellezza Estetica / Sterilizzazione e Disinfezione

Sterilizzazione e Disinfezione

DISINFEZIONE, STERILIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE NEI CENTRI ESTETICI

L’attività di estetista viene definita nell’art. 1 della L. n. 1 del 1990 come quella che comprende tutte le prestazioni ed i trattamenti eseguiti sulla superficie del corpo umano il cui scopo esclusivo o prevalente sia quello di mantenerlo in perfette condizioni, di migliorarne e proteggerne l’aspetto estetico, modificandolo attraverso l’eliminazione o l’attenuazione degli inestetismi presenti”.

Nell’obbligo di diligenza del titolare di un centro estetico ci sono anche gli incombenti dettati dalla normativa in tema di sicurezza e igiene sul lavoro di cui al D.lgs 626/94 nonché dalle norme igienico sanitarie dei regolamenti comunali.

Particolarmente rilevante in materia di centri estetici è il rischio da infezioni crociate. È bene quindi sottolineare l’importanza delle misure di prevenzione da adottare per ostacolare la diffusione dei microrganismi patogeni e di conseguenza limitare la diffusione delle varie infezioni o malattie infettive.


Vediamo ora di analizzare le misure di sicurezza igienico sanitarie da adottarre all’interno di un centro estetico :

  • DISINFEZIONE : rappresenta il processo che ha la funzione di eliminare gli eventuali microrganismi patogeni che possono essere presenti a livello della cute,negli ambienti,oppure nelle attrezzature. La disinfezione viene normalmente effettuata per quei materiali termosensibili che non possono essere sottoposti alle alte temperature della sterilizzazione. La disinfezione viene effettuata utilizzando delle sostanze chimiche chiamate DISINFETTANTI. I disinfettnti che vengono utilizzati in campo estetico sevono possedere alcuni requisiti:
  • Buona efficacia: cioè devono essere in grado di eliminare gli eventuali microrganismi patogeni
  • Non deve rovinare i materiali
  • Non deve provocare irritazioni,né a livello della cute, ne a livello delle vie respiratorie

I disinfettanti si possono classificare in diverse categorie:

  • DETERGENTI
  • ACQUA OSSIGENATA
  • AMUCHINA

La disinfezione viene effettuata con un metodo chiamato IMMERSIONE A FREDDO. Dapprima lo strumento utilizzato viene lavato e asciugato,poi viene immerso nella vasca di disinfezione che contiene l’apposito liquido.Tutto questo processo avviene a temperatura ambiente. In commercio si possono trovare vasche ULTRSUONI che hanno il cpmpito di effettuare una detersione in profondità degli strumenti. Queste vasche emettono degli impulsi che combinati con l’azione del disinfettante riescono ad eliminare gli eventuali residui ed incrostazioni presenti su strumenti.

  • DISINFESTAZIONE: è la misura di prevenzione che ha la funzione di eliminare e distruggere gli eventuali parassiti presenti sulla cute,negli indumenti e nell’ambiente. La disinfestazione viene effettuata applicando delle sostanze chimiche che prendono il nome di INSETTICIDI.
  • STERILIZZAZIONE: la sua funzione è quella di assicurare la completa distruzione di qualsiasi forma di vita microbica,che potrebbe essere presente sugli strumenti. La sterilizzazione diventa obbligatoria quando quando gli strumenti vengono a contatto con il sangue. Elenchiamo diversi metodi di sterilizzazione:
  • Autoclave: è un apparecchiatura che viene riempita di acqua distillata e raggiunge temperature di circa 130 gradi, gli strumenti vengono lasciati all’interno 15-20 minuti. Questa metodologia viene considerata la migliore in quanto permette di mantenere nel tempo la sterilità degli strumenti. il confezionamento permette di conservare sterili gli strumenti per 30 giorni, si possono utilizzare comode buste auto sigillanti.

L’AUTOCLAVE è semplice e facile da utilizzare, assicura al 100% la completa sterilizzazione degli strumenti. Perché sterilizzare con l’autoclave?

  1. Permette di certificare che il ciclo della sterilizzazione degli strumenti sia avvenuto correttamente grazie alla presenza di indicatori fisici in cui viene indicata temperatura,pressione e tempo; e grazie alla presenza di indicatori chimici.
  1. La sterilizzazione con autoclave consente l’imbustamento degli strumenti e quindi mantenere la sterilità
  2. Non danneggia gli strumenti pur lasciandoli all’interno 20 minuti.
  • Mediante Calore secco: vengono utlizzate delle stufe a secco che sviluppano temperature intorno a 180 gradi
  • Mediante Sfere di quarzo: vengono utlizzate piccole stufe munite di sfere di quarzo che sviluppano temperature fino a 250 gradi e quindi vengono utilizzate per sterilizzare in pochi secondi le punte degli strumenti utlizzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *