Home / Nail Art / Come togliere lo smalto semipermanente

Come togliere lo smalto semipermanente

Vediamo come togliere lo smalto semipermanente visto che resiste più a lungo di quello normale ma è più “leggero” del gel che si utilizza per la ricostruzione delle unghie. Proprio le caratteristiche della resistenza e durevolezza nel tempo potrebbero indurre a pensare che questo tipo di smalto rovini le unghie se le applicazioni si ripetono periodicamente.

Alcuni ritengono anche (non a giusta ragione, però) che un utilizzo ripetuto dei vri tipi di smalto semipermanente comprometta irrimediabilmente la salute e la bellezza delle unghie. In pratica, comunemente si pensa che le unghie, una volta interrotto il trattamento, non torneranno più come erano prima, ma appariranno sfaldate e deboli.

Niente di più sbagliato, se si conosce bene come togliere lo smalto semipermanente senza rovinare le unghie. Ci sono tecniche che, se applicate correttamente, consentono una rimozione facile e senza alcuna conseguenza.

Come togliere lo smalto semipermanente

Rimozione facile dello smalto semipermanente

Ecco come togliere lo smalto semipermanente in maniera facile e veloce, senza remore. 

  • Non c’è bisogno di essere estetiste o esperte di nails fashion
  • Basta avere un po’ di manualità ed il gioco è fatto.
  • Prima di tutto, bisogna limare accuratamente la superficie delle unghie, per eliminare lo strato lucido.
  • E’ importante, in questa fase, tenere le mani ben ferme procedendo alla limatura con estrema delicatezza.
  • Procuratevi un solvente speciale per unghie non aggressivo
  • Meglio evitare l’acetone, che ha anche un odore troppo forte
  • Imbevete un batuffolo di cotone o un dischetto struccante da applicare sulle unghie.

Per fissare il solvente utilizzate delle pratiche striscette di carta stagnola. Per rimuovere qualche residuo di smalto rimasto meglio procurarsi uno spingi cuticole, da adoperare senza fare eccessiva pressione. Una volta “libere” dallo smalto, le unghie dovrebbero essere lasciate a respirare per qualche ora, meglio una notte intera.

Come togliere lo smalto semipermanente con un trucco facile

Se siete tra quelle che vogliono togliere lo smalto senza acetone e senza solvente per togliere lo smalto ecco una valida alternativa.

Si tratta di un trucco per togliere lo smalto che tutte potrete mettere in pratica senza rivolgervi ad estetista o centro specializzato in cura e bellezza delle unghie.

  • Realizzate una miscela di aceto bianco unito ad un succo di mezza arancia o mezzo limone.
  • Immergete le unghie in questo composto per circa 10 minuti
  • Rimuovete lo smalto utilizzando un po’ di cotone.

Curare le unghie dopo la rimozione dello smalto

Dopo avere utilizzato i prodotti per la rimozione dello smalto semipermanente serve prendersi cura delle unghie prima di sottoporle ad un altro trattamento di colore.

Se le unghie vi sembrano un po’ indebolite e bisognose di rinforzo, procuratevi uno smalto curativo e sfoggiate per qualche tempo un “nude look” che va tanto di moda.

Dove procurarvi smalti di questo tipo? Ecco una proposta che può tornarvi sempre utile, visto che si tratta di un sito e-commerce specializzato dal quale potrete comodamente ordinare prodotti stando a casa.

Sfogliando il catalogo di Ebranditalia si possono trovare smalti curativi di ottima qualità per unghie di mani e piedi, insieme a solventi specifici privi di acetone.

Gli smalti riparatori sono ottimi se le unghie sono particolarmente sfaldate e provate da ripetuti trattamenti. I prezzi? Particolarmente vantaggiosi, soprattutto se ci si orienta verso i kit nails completi di vari smalti ed accessori per la cura e la bellezza delle unghie (ottimi anche da regalare).