Siamo insieme su SKY

Zona bikini: come fare una depilazione inguinale perfetta

Fra le preoccupazioni più evidenti delle donne, per quanto riguarda la sfera estetica, vi è di sicuro la presenza di peli in eccesso. Per questo motivo, si rivolgono ai saloon di bellezza soprattutto per quanto riguarda la zona bikini.

Le estetiste sono perfettamente consapevoli che in riferimento a come fare una depilazione inguinale perfetta, la zona bikini è tra le più delicate in assoluto.

Zona bikini: come fare una depilazione inguinale perfetta

Per quale motivo la zona bikini va trattata con la necessaria attenzione?

In primo luogo, le donne desiderano ottenere un risultato estetico sempre ottimale. Purtroppo, non sempre ci riescono.

Spesso, la permanenza di peli superflui si rivela un problema non di poco conto, perché la pelle di questa zona intima non appare liscia al tatto. Poi, il più delle volte, soprattutto in caso di pelle sensibile, si registrano più arrossamenti del dovuto. Le irritazioni sono davvero fastidiose.

Compito delle estetiste, di fatto, è quello di rispettare diversi principi chiave inerenti al contatto tra la cera e la zona inguinale.

La conoscenza dei metodi maggiormente indicati per centrare appieno le esigenze sempre più selettive delle clienti e la scelta dei prodotti e dei dispositivi giusti fa la differenza quando c’è da effettuare una depilazione inguinale perfetta.

Consigli utili per la depilazione della zona bikini

Molte donne sottovalutano che nella depilazione della zona bikini, occorre prestare massima attenzione alle tempistiche. Queste sono infatti fondamentali.

Il motivo di base risiede nel fatto che prima di strappare i peli inguinali è bene che questi abbiano una determinata lunghezza, oscillante in linea di massima tra 0,5 e 1,5 centimetri.

Se i peli sono troppo corti, quasi sicuramente non attecchiranno alla cera. Di converso, a fronte di una lunghezza superiore ai 2 centimetri, estirpare i peli della zona inguinale si rivelerebbe, forse, un pò troppo doloroso.

Preparazione della pelle prima della depilazione

Ancor prima di iniziare il processo di depilazione, occorre preparare la penne della zona interessata: l’area inguinale sarà di certo più sensibile rispetto ad altre. Ragion per cui, uno strappo brusco comporterà irritazioni e arrossamenti.

Affinché ciò non si verifichi, è imprescindibile il ricorso a creme e detergenti, volti a proteggere a fondo l’area di riferimento. Ad esempio, il latte detergente idratante e lenitivo si rivela utile al caso.

Anche fare uno scrub corpo con un esfoliante del calibro del gel Aha viso e corpo si rivela una saggia decisione. Le estetiste dei saloon lo utilizzano spesso, perché delicato sul corpo e ricco di ingredienti al 100% naturali.

Quello principale, ad esempio, è l’acido di mirtillo biologico, utile per favorire il ricambio delle cellule dell’epidermide, per rimuovere le cellule morte e per rendere la pelle vellutata come mai prima d’ora, grazie alla forte concentrazione di antiossidanti. Questi ultimi hanno il merito di contrastare la comparsa dei primi segnali dell’invecchiamento.

Anche i guanti adibiti all’esfoliazione si confermano ottimi alleati per una pelle liscia e sana, prima di affrontare la depilazione intima inguinale.

Utilizzo di una cera indolore

Sta di fatto che gestire la scarsa propensione al dolore, tutto è fuorché semplice. La scelta della cera, in questo caso, è essenziale: la cera depilatoria brasiliana alla clorofilla, ad esempio, convince perché è pratica ai massimi livelli, dato che è una ceretta senza strisce.

L’estetista si serve di uno scaldacera per fondere il prodotto di colore nero e amalgamarlo, una volta tiepido. Quando la sua consistenza non si discosterà più di tanto da quella del miele, basterà applicarne un piccolo quantitativo sull’inguine, dopo averla prelevata con la spatola.

La cera depilatoria va stesa in direzione della crescita dei peli. Lo strato creato deve essere sottile per spessore e particolarmente uniforme. Lo strappo è fattibile al meglio se viene lasciato un bordo con uno spessore superiore all’estremità della striscia della sostanza applicata.

Solo quando la ceretta brasiliana apparirà raffreddata, allora sarà possibile procedere, strappando regolarmente, ma stavolta in senso antitetico rispetto alla crescita dei peli.

Per rimuovere possibili rimanenze di cera, a un’estetista conviene optare per l’impiego di un’apposita crema post depilazione. La pelle apparirà al tatto morbida e pulita come mai prima d’ora.

L’estetista in ogni caso, consapevole di quanto sia complessa la scarsa inclinazione al dolore, non applica mai la cera a fronte di tagli, ferite, pelle screpolata, irritazioni e brufoli. La pelle deve essere sempre asciutta, prima ancora di poter procedere alla depilazione inguinale.

Anche la cera a caldo e in dischetti porta a risultati molto positivi quando c’è da depilare la zona bikini.

Si tratta di un articolo ottimo per una perfetta e durevole epilazione, specie nella zona bikini. Sono sufficienti pochi minuti: dopo che è stata stesa con un’apposita spatola, occorre aspettare che si raffreddi. Solo allora sarà possibile strapparla con strisce strappacera.

La presenza di cera microcristallina permette di catturare i peli alla radice. Saloon di bellezza, spa, centri estetici, centri abbronzanti considerano questi accorgimenti utilissimi.

Protezione della pelle nel post-depilazione

La zona bikini risulta di sicuro una delle parti più sensibili in assoluto. La presenza di peli è utile, visto che questi ultimi fungono da barriera di protezione. Ad esempio, è altamente sconsigliato esporsi alla luce dei raggi solari, nei giorni successivi al trattamento.

Tecnica di depilazione più adatta alle esigenze delle clienti

Vari sono i metodi per portare a termine la depilazione inguinale perfetta: la cera brasiliana è forse quella più indicata, perché oltre a essere indolore, i risultati sono duraturi nel tempo.

Inoltre, il prodotto è stato ampiamente testato sulle pelli più sensibili. Quindi, le estetiste che utilizzano la cera brasiliana vanno sul sicuro.

Perché sceglierla? In primo luogo, non prevede l’impiego delle strisce. La si applica sulla zona inguinale e sull’area bikini con un singolo strappo, contraddistinto da unidirezionalità, praticità e velocità.

Non si riscontrano dolori con l’impiego come per esempio della della black wax, la cui temperatura di utilizzo è pari a 36 o 37 gradi.

Quindi appare tiepida sulla pelle e grosso modo in linea con la temperatura corporea. Ne consegue che l’epilazione non è affatto traumatica. Questo perché la cera, pur non attaccandosi alla pelle, ingloba i peli.

Cere più utilizzate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.