Siamo insieme su SKY

Estetista: Chi è, cosa fa e quali sono le sue mansioni

Curare la propria bellezza con l’aiuto di una brava estetista è senza dubbio una priorità. Un viso luminoso, il giusto make-up, l’assenza di peluria nei punti giusti e tanti altri piccoli accorgimenti sono del tutto necessari per garantire a uomini e donne la possibilità di apparire al meglio.

Dopotutto, il proprio corpo è un vero e proprio biglietto da visita, il quale può senza dubbio far sentire le persone più sicure di sé.

Chiaramente, per raggiungere il proprio obiettivo di bellezza non è possibile fare affidamento esclusivamente sulle proprie capacità.

E’ fondamentale affidarsi alle mani esperte di personale competente e specializzato. Questo personale non può che essere costituito dall’estetista.

Figura professionale spesso sottovalutata, quella dell’estetista è in realtà una professione estremamente importante dal punto di vista sociale, in quanto contribuisce ad aumentare l’autostima.

Pertanto, in questo articolo spiegheremo chi è l’estetista, quali sono le sue mansioni e come diventare una professionista del settore.

Estetista

Chi è l’estetista

L’estetista è una figura professionale altamente specializzata nel prendersi cura dei clienti e nel trattamento del corpo per fini estetici.

Si tratta di una figura professionale che, per garantire il risultato atteso ai clienti che frequentano il centro estetico, fa uso non solo delle proprie abilità manuali, ma anche di eventuali macchinari di grande importanza.

La figura dell’estetista non deve avere solo abilità legate all’esecuzione del trattamento, ma deve agire a più ampio spettro.

È infatti fondamentale che l’estetista sappia consigliare al cliente il trattamento più idoneo per raggiungere il risultato atteso, offrendo quindi un vantaggio non trascurabile e semplificando di molto la vita della persona.

Il portafoglio di attività dell’estetista è piuttosto ampio. I trattamenti che questa figura professionale va ad effettuare possono essere a carico non solo del viso, ma anche del corpo.

E oltre a utilizzare mani o strumenti (qui gli strumenti), può fare uso anche di prodotti, creme e lozioni (qui i prodotti cosmetici). Anche in questo caso, la scelta del prodotto più adatto per la risoluzione del problema specifico è una richiesta che viene esplicitamente effettuata all’estetista.

Cosa fa l’estetista

Le azioni e le attività che l’estetista deve saper svolgere sono numerose e variegate. Una delle attività più richieste prevede l’applicazione del make-up.

L’estetista deve quindi essere esperta di trucchi e di abbinamenti tra questi ultimi e la pelle della persona. Solo in questo modo, infatti, la professionista riesce a valorizzare il volto dei clienti, soddisfacendo esattamente quelle che sono le loro richieste.

Sul volto, oltre ad applicare il make-up, l’estetista può anche eseguire dei massaggi. Per svolgere questa mansione, tuttavia, è necessario disporre di conoscenze ad hoc e approfondite, che possono essere acquisite solo dopo anni di studio.

Più nello specifico, l’estetista può effettuare massaggi per favorire il drenaggio dei liquidi e l’ossigenazione dei tessuti, nonché semplicemente per rilassare e illuminare il volto. I massaggi possono poi essere estesi a tutto il corpo, divenendo dei veri e propri massaggi di benessere rilassanti e piacevoli.

Ancora, molte estetiste si specializzano anche come onicotecniche, divenendo in grado di realizzare manicure e pedicure curando le unghie delle clienti con molta attenzione, e utilizzando sempre i prodotti migliori disponibili in commercio.

Ancora, l’estetista si occupa anche di asportare i peli, e lo fa adoperando diverse tecniche. Tra queste, ad esempio, vi è senza dubbio l’utilizzo della cera depilatoria (qui i prodotti per la depilazione), ma molte estetiste sono anche in grado di utilizzare il laser, per la rimozione definitiva dei peli.

In definitiva, le attività che un’estetista può svolgere sono molteplici, e dipendono non solo dagli anni d’esperienza, ma anche dal livello di specializzazione e di formazione professionale al quale la professionista si è sottoposta.

Inoltre, molte di esse possono lavorare in proprio, mentre altre vengono spesso assunte all’interno di saloni di bellezza, per svolgere una o più mansioni.

Mansioni dell’estetista

Come accennato nel paragrafo precedente, le potenziali mansioni dell’estetista sono molteplici:

  • Cura del viso.
  • Cura del corpo.
  • Esecuzione di massaggi.
  • Impiego di macchinari (qui i macchinari estetici) sofisticati in maniera sapiente e corretta.

Insomma, le mansioni dell’estetista, sia che essa lavori in proprio che all’interno di un salone, sono decisamente numerose.

A queste, poi, si aggiungono quelle legate all’accoglienza dei clienti. Che si tratti di un’estetista in proprio o coinvolta in un team, tra i suoi ruoli vi è quello di accogliere i clienti in maniera calda e rassicurante, offrendo un momento di benessere che comincia sin dal primo approccio.

Ovviamente, tra le skills di un’estetista non possono mancare quelle organizzative. Tra le mansioni della professionista, infatti, rientrano anche quelle legate all’organizzazione degli appuntamenti e all’assicurarsi di non uscire fuori orario.

In aggiunta, per coloro che lavorano in un salone, la gestione del fatturato e il mantenimento di condizioni igieniche impeccabili sia degli ambienti che dei macchinari sono prerequisiti fondamentali.

Come diventare estetista

Al contrario di quello che si pensa, diventare estetista non è affatto semplice. Non è sufficiente fare pratica e crearsi un giro di conoscenze: è fondamentale, ad oggi, acquisire delle competenze.

Nello specifico, le Regioni organizzano dei corsi per diventare estetiste, della durata di due anni (per un totale complessivo di 1800 ore) che tutte coloro che vogliono essere riconosciute come estetiste professioniste devono seguire.

Nel percorso formativo vengono acquisite anche nozioni di igiene che sono fondamentali per garantire la sicurezza ai propri clienti.

Inoltre, il percorso offre anche delle basi di legislazione, utili alla professionista per seguire gli aspetti legali della propria impresa, sia essa in proprio o in salone. Al termine dei due anni di corso, le estetiste devono eseguire un test teorico e pratico prima di potersi fregiare del titolo.

Al superamento dell’esame, alla candidata viene fornito un certificato valido su tutto il territorio nazionale, oltre che in diversi paesi appartenenti all’Unione Europea (in alcuni casi viene solo richiesta l’integrazione di una parte teorico-pratica aggiuntiva).

Conclusioni

In definitiva, la professione non va certo bistrattata, e senza dubbio ha un valore molto elevato.

Inoltre, ad oggi, per diventare estetiste a tutti gli effetti è necessario acquisire conoscenze sia teoriche che pratiche che siano certificate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.